cause e fattori di rischio

 

Gli esperti non hanno determinato una singola causa della malattia di Alzheimer,
ma essi hanno identificato alcuni fattori di rischio. Ad esempio, questi
fattori di rischio influenzano la probabilità di svilupparla:

Età: La maggior parte delle persone che sviluppano la malattia di Alzheimer sono 65 anni di età o più.
Storia familiare: Se si dispone di un parente stretto che ha sviluppato
la condizione, è molto più probabile per farlo troppo.
Genetica: alcuni geni sono stati collegati alla malattia di Alzheimer
Avere uno o più di questi fattori di rischio non significa che potrete sviluppare
Il morbo di Alzheimer. Entrambi i fattori genetici e ambientali che possono svolgere un ruolo.
Si rivolga al medico per conoscere meglio il rischio di sviluppare la malattia.

Diagnosticare la malattia di Alzheimer

L’unico modo definitivo per diagnosticare una persona con la malattia di Alzheimer è quello di esaminare il loro tessuto cerebrale dopo la morte. Ma il medico può utilizzare altri esami e prove per valutare le vostre facoltà cognitive, diagnosticare la demenza, e escludere altre condizioni.

Saranno probabilmente iniziare prendendo una storia medica. Essi possono chiederti:

  • i sintomi
  • la vostra storia medica della famiglia
  • altre condizioni di salute che avete ora o in passato
  • farmaci che si sta prendendo ora o in passato
  • la vostra dieta, assunzione di alcol, o altre abitudini di vita

Essi possono anche condurre test dello stato mentale. Questo può aiutare a valutare la vostra memoria a breve termine, memoria a lungo termine, e l’orientamento di luogo e di tempo. Ad esempio, si può chiedere:

  • che giorno è
  • che il presidente è
  • per ricordare e richiamare un breve elenco di parole

Saranno probabilmente condurre un esame fisico, troppo. Ad esempio, possono controllare la pressione del sangue, valutare la frequenza cardiaca, e prendere la vostra temperatura. In alcuni casi, possono raccogliere campioni di urina o di sangue per il test in un laboratorio.

Essi possono anche condurre un esame neurologico per escludere altre possibili diagnosi, come la malattia o il colpo di Parkinson. Essi controllare i tuoi riflessi, tono muscolare, e di parola. Essi possono anche ordinare studi di brain-imaging, come la risonanza magnetica (MRI).

in collaborazione con 3omega3.it e promuoveresalute.it

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *